Le verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro devono essere obbligatoriamente effettuate dai Datori di Lavoro con le periodicità previste dal Dlgs 81/2008.

Per verifiche periodiche di attrezzature a pressione si intendono le prime verifiche periodiche, le verifiche di integrità (decennali), le verifiche di funzionamento e le visite interne per generatori di vapore.

Nello specifico, per le attrezzature a pressione, le periodicità e le modalità di verifica sono riportate anche sul DM 329/04 che disciplina la gestione delle attrezzature a pressione in esercizio e sul DM 11 aprile 2011.

Il Decreto Sviluppo (tramutato in Legge in data 22 agosto 2012) prevede all’art.36, che gli Organismi Notificati PED possano rilasciare deroghe alle periodicità delle verifiche periodiche al fine di permettere agli Utilizzatori una migliore gestione delle fermate e delle manutenzioni programmate.

Le deroghe rilasciate dagli Organismi Notificati PED possono portare ad un incremento  massimo di 3 anni rispetto alle periodicità previste dalla Legge di riferimento.

Gli ON non possono rilasciare però deroghe su tutte le attrezzature a pressione ma solamente su quelle facenti parte di  impianti rientranti nelle caratteristiche di cui all’art.8 del Dlgs 334/99, a ciclo continuo o per la fornitura di servizi essenziali e monitorati in continuo.

Per tutte le altre attrezzature non rientranti nelle casistiche di cui sopra, per le quali pertanto gli ON non sono titolati a rilasciare deroghe, è necessario presentare la richiesta di deroga al Ministero dello Sviluppo Economico.

Tale Ministero, resta inoltre unico titolare per i rilasci di deroga all’utilizzo di metodologie ispettive alternative durante le verifiche di integrità degli apparecchi a pressione, rispetto a quanto previsto dal DM329/04 e DM11 aprile 2011.

Il Consorzio Europeo Certificazione (CEC), ON PED,  da più di dieci anni svolge attività di valutazione di conformità di insiemi a pressione di impianti chimici, petrolchimici e di produzione di energia, che risultano nella maggiore parte dei casi ricadenti nel suddetto campo di applicazione; pertanto è stato contattato dai più importanti Utilizzatori per affrontare tale delicato tema dei rilasci di deroghe, dove la competenza tecnica e l'esperienza maturata nella valutazione dei rischi legati alla sicurezza degli impianti, costituiscono elemento imprescindibile per una valutazione affidabile delle richieste avanzate dai gestori di impianto.

Tale esperienza pluriennale permette anche al CEC di assumere il ruolo di Soggetto Preposto incaricato dal Ministero dello Sviluppo Economico per la valutazione delle richieste di deroga che devono essere presentate dagli Utilizzatori al Ministero stesso.

Segmenti di mercato